Viaggiare con il cane

Un cane bene educato può accompagnare il proprietario ovunque per la gioia di entrambi.
Naturalmente dovrà tener conto delle Norme e Leggi sia in materia di igiene che di sicurezza.

In Auto

L’articolo 169 del Nuovo Codice della strada stabilisce che è possibile trasportare Bassottino in valigianell’abitacolo dell’auto un solo cane purchè non costituisca pericolo o intralcio per il conducente. Di conseguenza, se si viaggia da soli, il cane dovrà essere all’interno di un idoneo contenitore per il trasporto o sistemato sul sedile posteriore e dotato di apposito guinzaglio idoneo al fissaggio agli attacchi di sicurezza.

E’ consentito il trasporto di un numero superiore di animali domestici solamente se custoditi in apposite gabbie o contenitori posizionati nel vano posteriore appositamente diviso da rete.

Naturalmente, la legge vieta di chiudere il nostro amico nel bagagliaio.

Al di là delle disposizioni di legge è comunque indispensabile, onde affrontare un viaggio col proprio cane in serenità, osservare alcune norme di prudenza e buon senso:

provvedere a che il cane sia abituato, da ripetuti e brevi tragitti, a viaggiare in auto
organizzare i pasti in modo tale che il cane affronti il viaggio a stomaco vuoto o comunque a completata digestione dell’ultimo pasto (ca. 4 ore)
portare appresso ciotola ed abbondante scorta d’acqua
prevedere frequenti soste, al massimo ogni 2 ore, durante le quali poter fargli sgranchire le zampe e dissetarlo
fare in modo che l’interno dell’abitacolo sia ben arieggiato senza però che il cane sia raggiunto da flussi d’aria provenienti dal sistema di condizionamento o dall’esterno attraverso finestrini abbassati. Mai consentire al cane di sporgere la testa dal finestrino al fine di evitare l’insorgere di fastidiose ottiti.
mai lasciare il cane da solo nell’abitacolo dell’auto anche se per brevi periodi e con i finestrini abbassati. Basta poco tempo perché la temperatura raggiunga una soglia così elevata da provocare un colpo di calore.

In Treno

In Italia in linea di massima è consentito, per ogni simgolo viaggiatore il trasporto di un cane, sia in prima che in seconda classe, purchè munito di museruola, guinzaglio, certificato di iscrizione all’anagrafe canina e libretto sanitario (per i cittadini stranieri l’apposito “passaporto del cane”).

I cani di piccola taglia, custoditi in trasportino delle dimensioni max 70x30x50, viaggiano gratuitamente in tutta nella flotta Trenitalia sia in 1° che in 2° classe.

I cani di taglia superiore, muniti di museruola e guinzaglio sono ammessi con l’acquisto di un biglietto al prezzo previsto per il treno utilizzato scontato del 50% e in base alle regole previste per la tipologia del treno:

nei treni Espresso, Intercity e Intercity Notte sia in prima che in seconda classe senza però occupare un posto riservato ai viaggiatori.
sui treni Regionali e locali, devono viaggiare sulla piattaforma o vestibolo dell’ultima carrozza con esclusione dell’orario dalle 7 alle 9 dei giorni feriali da lunedì a venerdì.
Nelle carrozze letto, carrozze cuccette ordinarie e comfort e nelle vetture Excelsior ed Excelsior 4, occorre prenotare ed acquistare il biglietto per l’intero comparto.
Recentemente è stata estesa la possibilità di far viaggiare i cani anche a bordo di Frecciarossa, Frecciargento ed Eurostar sia in 1° che 2° classe e nei livelli Business e Standard con esclusione dei livelli Executive, Premium, Area del silenzio e salottini.

I cani guida per non vedenti possono viaggiare su tutti i treni gratuitamente e senza alcun obbligo.

passaporto-cani-wtIn Aereo

Quasi tutte le compagnie aeree consentono il trasporto di cani ma, non esistendo una regolamentazione unica, è necessario informarsi presso la compagnia scelta per viaggiare di quali siano le regole dalla stessa applicate.

Generalmente per ogni volo sono ammessi in cabina un numero limitato di animali di piccola taglia (sotto ai 10 Kg.di peso) che possono viaggiare col proprietario se custoditi in appositi trasportini dotati di fondo impermeabilizzato.

I cani di media o grande taglia viaggiano nella stiva presurrizzata in apposite gabbie rinforzate messe a disposizione dalle compagnie aeree. Alcune compagnie garantiscono l’assistenza di personale specializzato e di centri di assistenza e ristoro per gli animali durante gli scali.

Tuttavia poiché viaggiare in tali condizioni rappresenta un fattore di grande stress per il cane, è bene affrontare un viaggio in aereo, soprattutto se di lunghi tragitti, solo se indispensabile. Il cane non deve essere sedato in quanto ad alta quota diminuisce la frequenza cardiaca, scende la temperatura ed il sangue circola meno per cui potrebbero insorgere fenomeni collassanti. Si può invece prendere in considerazione la possibilità di usare leggeri tranquillanti naturali a base di estratti di valeriana, camomilla o passiflora.

In Nave

In generale sulle navi da crociera non è consentito portare appresso il cane e solo in casi eccezionali ciò viene permesso purchè il cane sia di taglia molto piccola.

Invece per le brevi traversate su navi e traghetti è possibile viaggiare con il proprio cane nel rispetto del regolamento applicato che varia a seconda della compagnia di navigazione. Di conseguenza è opportuno informarsi con largo anticipo sulle modalità di viaggio applicate dalla compagnia prescelta.

In linea di massima sui traghetti i cani sono ammessi:

se di piccola taglia nel trasportino, in cabina con il proprietario previo consenso delle altre persone a bordo
se di taglia media o grande devono alloggiare negli appositi “canili di bordo”o sul ponte con il proprietario se muniti di museruola e guinzaglio.

Alcune compagnie richiedono il certificato del veterinario che attesti la buona salute del cane e per i trasferimenti in Sardegna è richiesta la vaccinazione antirabbica.